Ritorna al "PROGRAMMA 2002"

Venerdý 26 Luglio
Sinagoga di via Astagno (ore 18,00)

Parola di scrittore

Partecipano Etgar Keret e Rachid Boujedra
Presentano il prof. Ugo Ascoli e il prof. Abdelmaid El Houssi
dell'UniversitÓ degli Studi di Ancona(Istituto di Studi Storici, Sociologici e Linguistici)

 

L'edizione 2002 del Klezmer Musica Festival ospita l'incontro, (coordinato da due docenti
dell'Istituto di Studi Storici, Sociologici e Linguistici della facoltÓ di Economia dell'Ateneo dorico)
un giovane scrittori israeliano giÓ cult per le nuove generazioni di lettori e un maestro della
narrativa araba.

Nato nel 1967  a Tel Aviv, Etgar Keret Ú il pi¨ popolare giovane scrittore israeliano, autore eclettico di sceneggiature per il cinema, storie per la televisione, novelle, due libri di fumetti e di un musical. Il suo libro "Missing Kissinger" (brevi storie caratterizzate da un sottile senso dell'assurdo, tra Kafka e Carroll) Ŕ stato citato fra i 50 libri in ebraico pi¨ importanti della letteratura ebraica. Il suo nuovo libro, narra in modo commovente il dramma ciclico del conflitto Palestina-Israele.

A dialogare con Keret  lo scrittore e uomo d'azione Rachid Boudjedra. L'autore algerino, che appena diciassettenne, ha preso attivamente parte alle rivolte che hanno portato il suo paese all'indipendenza dalla Francia, ha studiato all'UniversitÓ di Algeri e alla Sorbona di Parigi. Insegnante di filosofia, sceneggiatore, ha pubblicato il suo primo romanzo nel 1969: "Il ripudio", opera sconcertante per la crudezza della narrazione e l'accanimento contro l'ortodossia religiosa e i suoi tab¨. Il suo impegno politico e civile lo porta nel 1982 ad utilizzare solamente l'arabo come lingua per i suoi lavori letterari.